Vago

Vago, albero di mare
preso
a cercare
la mia linfa vitale

distratto dal nero
e dai cieli indecisi
su come sfumare,
su quale viso sfiorare

così le radici m’affondano
in un desiderio ossimorico:
noi ardenti
d’incessanti tramonti.

Vago, nostalgico faro
perso
in qualsiasi luogo
in qualsiasi lembo di terra
o di pelle, magari la tua
purchè sia distante
e mancanza che soffoca


fino al mio necessario
benché raro
respirare a fondo,
illuminare a lungo

fino a quando
ti darò un appuntamento
precisamente
all’una e un quarto
esattamente
all’angolo tra sogno e passato
inevitabilmente
altrove.

Gioia Toscani De Col

Vago (lat. vagus)
1. non molto chiaro, incerto, indefinito: una vaga impressione, una speranza vaga, risposte vaghe, un vago sospetto, una vaga somiglianza, un’idea molto vaga.

2. (lett.) leggiadro, ameno, grazioso; Vaghe stelle dell’Orsa (Leopardi, Le ricordanze, Teorie del vago e indefinito); Tre vaghissime donne (Foscolo, Le Grazie).

3. (lett.) desideroso, voglioso: Ell’è d’i suoi belli occhi veder vaga (Dante, Purgatorio XXVII, 106).

4. (lett.) che vaga, che erra: il nobil atto e di splendor non tacque / la vaga Fama, e divulgollo in breve (Ariosto, Orlando Furioso XXII, 93).

5. (in anatomia) detto “nervo vago” il nervo pneumo-gastrico che collega il collo, il torace e l’addome, presiede la sensibilità delle vie aeree e digestive ed è il moderatore del cuore.

6. verbo vagare: andare errando, andare attorno senza sapere bene dove e perché

 

Post simili

La stanza dei ricordi La stanza vuota brilla di luce bianca, pura. La lascio alle mie spalle senza rimpianti, sorrido malinconicamente andandomene. L’ho svuotata di tutto...
Agosto Un alveare vuoto Abbandonato E roventi celle Vacanti, chiuse Senza vita Senza abitanti Spettrali viandanti Vagano invano Negli assolati meandri Di u...
La disillusione Macchine 'mpazzite, facce sgangherate Che s'arincorono su 'st'incrocio d'umanità Perduta: e je tocca paga' le rate Ché so' schiavi dâ vanità. Io mî g...

Rispondi